Breadcrumb Navigation

La cronistoria di Denner

Denner – il discount leader della Svizzera – vanta una storia di 150 anni.

Quello che iniziò nel 1860 come un negozietto, è diventato oggi il discount leader della Svizzera.

Nel 1860, Heinrich Reiff-Schwarz posa la prima pietra dell’odierna azienda Denner SA. Abbiamo riassunto le tappe più importanti della storia di Denner fino ai nostri giorni. Scopra da dove deriva il nome Denner e come la Consumgesellschaft di allora si è evoluta nel discount leader della Svizzera.

2014–2015 – massicce riduzioni di prezzo

Impegnata da molti anni nella lotta per ottenere prezzi bassi sul mercato, Denner riduce il prezzo di molti prodotti di marca e di marca propria, anche in seguito all'abolizione della soglia minima sull'euro.

Denner guadagna ulteriori quote di mercato per la quinta volta consecutiva. Il fatturato netto del discount leader in Svizzera registra una crescita dell'1,5 percento rispetto al 2013, attestandosi a CHF 2917 milioni.

2013 – sempre il numero tre del commercio al dettaglio

Denner continua a rafforzare la sua posizione quale numero tre del mercato alimentare svizzero. Il fatturato netto registra rispetto all’anno precedente un incremento dell’1,8 percento, attestandosi a CHF 2844 milioni.

Denner inaugura l’anno lanciando una notevole campagna di ribassi dei prezzi sui prodotti di marca. Anche nel 2013 Denner cresce di ulteriori 20 filiali.

2011–2012 – nuovo CEO e campagna d’immagine

Il consiglio d’amministrazione nomina Mario Irminger come nuovo CEO di Denner SA.

Nel 2012, con un’estesa campagna d’immagine viene divulgato in tutta la Svizzera il nuovo motto «Denner – uno per tutti».
Campagna pubblicitaria

 

 

2010 – lancio del Shop Vini online

A maggio Denner lancia il suo Shop Vini, rispondendo così alla tendenza in crescita di effettuare i propri acquisti online. L’offerta comprende circa 250 vini dell’assortimento Denner ai consueti prezzi discount convenienti. Il lancio del Shop Vini è un elemento importante della strategia di sviluppo Denner nel settore enologico.

2009 – anno coronato dal successo

Alla fine del 2009 la Federazione delle Cooperative Migros diventa come previsto proprietaria di Denner SA al 100 percento. Philippe Gaydoul passa lo scettro di CEO a Peter Bamert, ex CEO di Ex Libris.

Il 2009 è l’anno di maggior successo nella storia di Denner. Denner registra una crescita del 2,6 percento rispetto all’anno precedente e presenta un fatturato di ben CHF 3,02 miliardi.

Decisione della la commissione della concorrenza (CoMco) infligge una multa all’azienda produttrice Gaba per aver ostacolato il mercato. Denner può così in futuro acquistare liberamente sul mercato europeo i prodotti Gaba, dove questi vengono offerti al prezzo più conveniente e trasferire così i vantaggi che ne derivano in termini di prezzo direttamente al cliente. Una decisione importante che lancia un forte segnale a tutte le multinazionali produttrici di articoli di marca che così non possono più ostacolare il commercio al dettaglio svizzero.

2008 – anno record

Fatturato: l’esercizio 2008 rappresenta per Denner un anno record. Il fatturato raggiunge i CHF 2,94 miliardi e cresce dell’8,3 percento rispetto all’anno precedente.

Concetto freschezza: il nuovo concetto di freschezza, lanciato nel 2007, viene esteso ad altre 200 filiali e ciò permette a Denner di rafforzare la sua posizione in questo segmento.

2007 – Denner e Migros uniscono le forze

Il 12 gennaio 2007, Denner e Migros annunciano la loro alleanza. Migros acquisisce il 70 percento del capitale azionario di Denner SA. La Holding Gaydoul rimane azionista Denner con una quota del 30 percento. Philippe Gaydoul resta CEO di Denner SA per i prossimi tre anni.

Questo matrimonio tra Migros e Denner garantisce che anche in futuro l’inasprimento della concorrenza sul mercato svizzero possa svolgere il suo benefico ruolo a favore dei consumatori. A settembre la Commissione della concorrenza autorizza quest'alleanza, subordinandola a diverse condizioni.

Denner cresce nuovamente più del mercato. Il fatturato evidenzia un incremento del 4,3 percento, attestandosi a oltre CHF 2,7 miliardi.


Nuovo concetto di freschezza
Denner ottimizza e amplia l’assortimento di prodotti freschi di oltre la metà delle circa 430 filiali Denner. Il nuovo concetto viene introdotto a giugno.

Centrale distributiva più all’avanguardia della Svizzera

Denner baut die Verteilzentrale in Mägenwil aus und nimmt diese im März in Betrieb. Dank dem erstmals in der Schweiz eingesetzten automatischen Caddy-Pick-Kommissionierungssystem wird sie zu einer der modernsten Verteilzentralen der Schweiz.

2006 – viaggi Denner e D-Vino

Denner Reisen
All’inizio dell’anno Denner fa il suo ingresso nel mercato dei viaggi lanciando Denner Reisen.

CI CDS
Il 10 maggio viene fondata la comunità d’interessi Commercio al dettaglio Svizzera (CI CDS). Sotto la presidenza di Philippe Gaydoul, CEO di Denner, le aziende riunite si impegnano per migliorare durevolmente le condizioni quadro del commercio al dettaglio svizzero. www.igdhs.ch

Franz Carl Weber
Il 1° settembre 2006, dopo 22 anni di attività, le filiali del gruppo Franz Carl Weber (FCW) vengono rilevate da Ludendo SA, azienda francese a conduzione famigliare affermatasi con successo sul mercato, specializzata nel settore dei giocattoli e forte di un grande know-how.

Rast Holding SA
Il consiglio d’amministrazione della Rast Holding SA, sotto la presidenza di Mario Bonorand, decide di proporre agli azionisti quale nuovo membro Dieter Berninghaus, con effetto a partire dal 1° gennaio 2007.

D-Vino
Il 30 novembre 2006, Denner inaugura la sua prima vineria sotto il marchio D-Vino nel quartiere zurighese Seefeld. L’offerta proposta comprende 200 vini dell’assortimento Denner, di cui 30 possono essere degustati in mescita – tutti a prezzi discount particolarmente attrattivi. www.d-vino.ch

2005 – Denner rileva Pick Pay

Il 1° novembre 2005, il gruppo Denner rileva da REWE Schweiz AG tutte le 145 filiali Pick Pay insieme al centro logistico di Egerkingen. Da gennaio a novembre 2006, i negozi Pick Pay vengono completamente integrati nel concetto discount di Denner e il marchio Pick Pay viene abbandonato.

Il fatturato delle 613 filiali Denner (senza Pick Pay) e dei satelliti conosce un incremento pari all’11,1 percento rispetto all’anno precedente. Si attesta a CHF 2047.2 milioni superando così per la prima volta la soglia dei due miliardi.

2004 – l’anno di maggior successo nella storia di Denner

Il 2004 è per Denner l'anno di maggior successo nella sua storia. Il fatturato delle 580 filiali e satelliti Denner subisce un incremento dell’11,8 percento rispetto all’anno precedente, attestandosi a CHF 1,843 miliardi. Con questo, il fatturato complessivo è di circa l’11 percento superiore rispetto a quello dell’anno record 1991. Il paragone effettuato su 5 anni rileva che il fatturato del gruppo Denner è aumentato di circa il 50 percento. È possibile portare a termine il rinnovamento di tutte le filiali nei termini previsti entro la fine del 2004.

2003 – New Denner

Sulla scia delle esperienze del tutto positive maturate presso le filiali pilota «New Denner», l’azienda decide di ristrutturare, nel corso dei successivi due anni tutte le 314 filiali sulla base del nuovo design. Il 14 gennaio 2003, apre la filiale Letzipark di Zurigo come prima filiale ufficiale «New Denner» Alla fine del 2003 si conclude, come pianificato, la prima fase di ristrutturazione nell’ambito della quale sono state rinnovate oltre 150 filiali in base al concetto «New Denner».

2002 – la modernizzazione continua

Denner dà il via ad una nuova fase di modernizzazione. Il 27 febbraio, la filiale Denner alla Uetlibergstrasse di Zurigo apre i battenti quale filiale pilota del concetto «New Denner».

29 degli oltre 60 negozi Superdiscount Epa che 8 anni prima avevano disdetto il contratto con Denner in seguito alla riduzione dell’assortimento a 1000 articoli, tornano alla base. La catena di alimentari Denner conta quindi 311 filiali e 255 satelliti.

La Rast Holding SA vende Waro SA con i suoi 28 negozi a Coop, con effetto dal 1° gennaio 2003.

2001 – Karl Schweri si spegne

Il 29 maggio Karl Schweri si spegne all’età di 85 anni. Il grande pioniere del comparto discount e proprietario unico dell’impero Denner fu una personalità di grande spicco e un imprenditore d’eccezione. Con straordinario talento creò la catena di discount alimentari Denner e la condusse a un persistente successo. Grazie al suo impegno il Gruppo divenne un protagonista di riguardo nell’ambito del commercio al dettaglio. Come datore di lavoro, Karl Schweri offrì a molti preziose opportunità di occupazione in tutta la Svizzera. La sua accorta politica di gestione consentì a Franz Carl Weber SA di praticare il commercio di giocattoli con grande successo e al massimo livello qualitativo. Quanto a Waro SA, Karl Schweri provvide al continuo sviluppo della società, permettendole di ottenere una posizione rilevante nel commercio al dettaglio svizzero. Con gratitudine, dunque, il Gruppo si accomiata da un grande uomo che seppe far fronte in modo esemplare alle sue responsabilità, sia in campo economico che politico.

2000 – Gaydoul assume la direzione

Alla fine di dicembre Karl Schweri cede le redini dell'intero Gruppo a suo nipote Philippe Gaydoul. In seguito alla riorganizzazione del Gruppo, la Rast Holding SA, con sede a Wollerau (Canton Svitto), ne assume la direzione strategica, riferita specificamente ai tre profit center Denner SA, Waro SA e Franz Carl Weber SA. Philippe Gaydoul diventa presidente del consiglio d’amministrazione e amministratore delegato della holding. Il capitale azionario è concentrato nella Karl Schweri Familienstiftung (fondazione di famiglia KS), presieduta dallo stesso.

In primavera il posizionamento sul mercato delle filiali Denner Top Superdiscount si conclude a livello di tutta la Svizzera. Denner aumenta la percentuale di articoli di marca nell'assortimento. Quanto ai satelliti Denner, essi contano 220 unità in tutta la Svizzera.

Il Popolo e gli Stati respingono le due iniziative popolari federali «per accelerare la democrazia diretta» e «per costi ospedalieri più bassi».

1999 – il modello discount si impone

La nuova strategia discount Denner è quasi conclusa. La formula Denner Top Superdiscount, con un assortimento di circa 1000 articoli, si impone.

1998 – Karl Schweri regolamenta la sua successione

Il processo di trasformazione della rete di filiali Denner in funzione del nuovo sistema Denner Top Superdiscount avanza celermente. Karl Schweri designa il nipote ventiseienne Philippe Gaydoul ad amministratore delegato e presidente della direzione di Denner SA, con effetto dal 1° agosto 1998.

Il 1°agosto 1998, Denner rileva dal Gruppo Coop 49 dei 60 negozi «Billi Top Discount» esistenti.

1997 – Denner dimostra iniziativa

Denner lancia tre iniziative popolari federali. L'iniziativa popolare federale «per farmaci a prezzi più bassi» e quella «per costi ospedalieri più bassi» puntano su una massiccia riduzione dei premi delle casse malati, mentre l'iniziativa popolare federale «per accelerare la democrazia diretta» chiede che le iniziative popolari siano in futuro sottoposte a votazione entro un anno dal loro deposito.

Nello stesso anno viene inaugurato il primo punto di vendita Denner Top Superdiscount della Svizzera. Con un assortimento di 1000 articoli e un massiccio scarto di prezzi rispetto a Migros e Coop, questo negozio esemplifica la nuova strategia discount di Denner, mirante a garantire un futuro di successo all'impresa.

1996 – conversione buoni del tabacco

Denner vince il secondo processo del tabacco davanti al Tribunale federale e converte, tramite consegna di buoni acquisto Denner, i buoni tabacco distribuiti ai clienti dal 1988 in poi.

Denner vende i suoi sette negozi di ottica discount.

1994 – lancio di iniziative popolari

Denner rileva Waro SA.

Viene depositata l'iniziativa popolare federale «per prodotti alimentari a buon mercato e aziende rurali di coltura ecologica» come 200a iniziativa popolare nella storia del diritto d'iniziativa svizzero. L'iniziativa è destinata a limitare l'ambito protettivo della legislazione sull'agricoltura ed i pagamenti diretti. Quali misure di protezione commerciale essa ammette, accanto a questi pagamenti diretti, solo i dazi doganali.

1993 – Denner riduce i prezzi

Denner punta ora su una strategia di vero discount. Nel corso dell’anno, l'assortimento, ridotto a circa 1000 articoli, dovrà essere, salvo alcune poche eccezioni, sempre più conveniente di quello dei principali concorrenti Migros e Coop in ragione di almeno il 20 percento.

Denner vince la causa del boicottaggio nel settore della birra e acquisisce per Franz Carl Weber Mothercare Switzerland, presente sul territorio con 15 punti vendita. La catena, specializzata in articoli per bebè e abbigliamento premaman, viene ribattezzata babycare.

1991–1992 – abrogazione dei cartelli della birra e sui tabacchi

Alla fine del 1991 viene abrogato il cartello della birra, contro cui Denner ha combattuto per 25 anni. L'eliminazione del cartello sui tabacchi un anno più tardi, segna la fine di un’altra battaglia combattuta da Denner per 20 anni.

1990 – costituzione di un «terzo polo»

Denner SA, la Hofer & Curti Beteiligungen AG (HC) e la Usego-Trimerco-Holding AG (UTH) decidono di collaborare sul piano degli acquisti, della logistica e delle attività sul campo. In tal modo si realizza il progetto accarezzato per anni da Karl Schweri, di costituire un «terzo polo» – in opposizione a Migros e a Coop – nel commercio al dettaglio di generi alimentari svizzero. In un primo tempo viene fondata una società d'acquisto comune, a cui partecipa anche Metro AG. Il «terzo polo» diventa realtà grazie alla vendita da parte di Karl Schweri delle sue azioni nominative UTH al Gruppo Hofer & Curti.

Denner elimina dalla propria strategia le offerte promozionali dispendiose e poco favorevoli ai consumatori e le rimpiazza con dei «prezzi bassi permanenti».

La sede amministrativa di Denner SA e il magazzino di FCW vengono insediati in un centro industriale costituito da Denner a Spreitenbach/AG. La struttura ospita anche la nuova piattaforma distributiva Denner per i prodotti freschi.

1989 – lancio di un referendum

L’iniziativa popolare «per la protezione delle aziende contadine e contro le fabbriche di animali» (altresì detta «Iniziativa a favore dei piccoli contadini»), che Denner SA ha sostenuto con grande impegno, viene respinta dal Popolo a strettissima maggioranza. Denner appoggia inoltre il referendum contro il nuovo decreto sulla viticoltura, poiché quest'ultimo prorogherebbe di altri 10 anni il contingentamento delle importazioni di vini, una normativa ingiusta ed esposta a ogni sorta di abuso. Nel 1990 il Popolo darà ragione ai referendisti.

In tutta la Svizzera si raccolgono firme per il referendum contro il decreto sulla viticoltura. 

1988 – apertura di un’ottica discount

A Zurigo viene inaugurato il primo negozio di ottica discount Denner. Denner distribuisce una nuova serie di buoni tabacco e lancia una nuova causa contro il cartello sui tabacchi.

1987 – inizia la guerra del tabacco

Denner converte i buoni tabacco e viene penalizzata dal cartello sui tabacchi con una riduzione degli sconti. In risposta a questo provvedimento, Denner diminuisce il prezzo delle sigarette, il che scatena una «guerra del tabacco» di grande impatto pubblicitario.

1984 – Denner rileva Franz Carl Weber e lancia un’iniziativa per la protezione dei consumatori

Il 24 gennaio 1984, Denner lancia l'annunciata iniziativa per la protezione dei consumatori, che ha il doppio scopo di salvaguardare le consumatrici ed i consumatori dalle manovre per loro pregiudizievoli dei cartelli nel settore del commercio di alimentari e beni di consumo, e di vietare l'imposizione di prezzi minimi da parte delle autorità in tale ambito. In caso di adozione dell'iniziativa, sarebbe anche possibile convertire i buoni tabacco. L'iniziativa viene sostenuta da 156’000 firme valide, raccolte nel tempo record di meno di 6 mesi, ma nel 1988 dev'essere ritirata in mancanza di un sostegno sufficiente da parte degli ambienti economici e politici.

Nello stesso anno Denner rileva la Franz Carl Weber Handelsgruppe (FCW), la maggior catena del commercio specializzato di giocattoli in Svizzera, nonché la Molki AG.

1983 – Denner perde il processo del tabacco

Denner perde il processo del tabacco contro la Federazione dell'industria svizzera del tabacco (FIST) davanti al Tribunale federale. In risposta alla sentenza, Denner annuncia il lancio di un'iniziativa per la protezione dei consumatori.

1982 – Denner è miliardaria

Il fatturato Denner ammonta a CHF 1’008’147'000, superando così per la prima volta la soglia del miliardo.

Denner vince in prima istanza il processo del tabacco contro la Federazione dell'industria svizzera del tabacco (FIST) davanti al Tribunale cantonale di Friborgo. La FIST propone ricorso contro la sentenza dinanzi al Tribunale federale.

Diventa operativa la centrale di distribuzione di Schmitten e contemporaneamente viene chiusa quella di Toffen BE.

1981 – nasce Wallace

Dalle drogherie acquisite nel 1980 da MERKUR AG si sviluppa la catena di drogherie e farmacie WALLACE AG.

Da novembre 1981, Denner viene boicottata dal cartello delle fabbriche di birra svizzere, perché si rifiuta di aumentare il prezzo della birra secondo le prescrizioni di quest'ultimo. È l'inizio del lungo «processo della birra».

1977 – apertura del primo satellite Denner

A Endingen AG viene inaugurato il primo satellite Denner. La catena dei satelliti è costituita da negozi di alimentari completamente indipendenti da Denner SA, sia sotto il profilo giuridico che finanziario, ma che commercializzano, tra l’altro, l’assortimento Denner.

A Frauenfeld, apre i battenti una nuova piattaforma distributiva Denner. Denner crea inoltre la Fondazione «Ombudsman dei consumatori»: l’ombudsman, neutrale sul piano politico ed economicamente indipendente, ha il compito di tutelare gli interessi dei consumatori.

1973 – inizia il processo del tabacco

Davanti al tribunale cantonale di Friborgo ha inizio il processo del tabacco Denner in cui quest’ultima si oppone ai prezzi minimi imposti dai membri del cartello sui tabacchi. Contemporaneamente Denner distribuisce dei «buoni tabacco» ai clienti, che questi potranno riscuotere nel caso in cui l’azienda vinca la causa. Il valore del buono è dato dalla differenza fra il prezzo al quale Denner è costretta a vendere le sigarette a causa delle prescrizioni del cartello sui tabacchi ed il minor prezzo al quale invece Denner vorrebbe vendere. A Mägenwil viene inaugurata un‘ulteriore centrale di distribuzione.

1969–1971 – nascita di Denner SA

La IGA viene trasformata in Denner SA. Karl Schweri è il solo consigliere d’amministrazione della società, nonché proprietario unico.

A Toffen BE viene avviata una seconda centrale di distribuzione.

1968 - centrale di distribuzione a Zurigo Altstetten

Il Popolo svizzero dice «sì» al referendum lanciato dai responsabili dell’IGA contro la nuova legge sull’imposta sul tabacco, che prevede l’assoggettamento dei prezzi dei tabacchi al controllo dello Stato per un periodo di cinque anni. Inoltre la IGA determina la caduta del cartello sui prezzi dell’industria svizzera dei superalcolici. A Zurigo Altstetten diventa operativa una centrale distributiva destinata a migliorare il rifornimento dei 23 punti di vendita discount sorti nel frattempo.

1967 – apertura del primo negozio discount della Svizzera

Il 2 febbraio 1967, dopo lunghe e penose contese tra la IGA ed i produttori di articoli di marca riuniti nell’associazione PROMARCA, cade finalmente il sistema dei prezzi al consumatore vincolati per i generi alimentari e voluttuari.

Nulla più si frappone alla realizzazione dell’idea discount vagheggiata da Karl Schweri. Il 24 ottobre 1967, apre i battenti a Zurigo Altstetten il primo discount svizzero di generi alimentari e voluttuari.

1962 – apertura del primo supermercato Denner

Denner inaugura il primo supermercato, ubicato nel centro commerciale «Hirschen» di Schwamendingen, alla periferia di Zurigo. La struttura presenta una superficie di vendita di 570 m2 e un assortimento di oltre 5000 articoli.

1951 – Azionista segreto

Karl Schweri, che nel frattempo ha rastrellato in gran segreto il pacchetto azionario della IGA, si ripresenta all’improvviso come azionista di maggioranza e provvede a sua volta a mettere alla porta i precedenti partner.

1946 – la Import e Grosshandels AG rileva altre imprese

La Import- und Grosshandels AG (IGA), di cui è socio Karl Schweri, rileva le quattro imprese Consumgesellschaft Denner und Co. AG, Kaufhausgenossenschaft, Consum Bär-Pfister e «Sommer AG». Nello stesso anno, a causa di conflitti interni con altri grandi azionisti che sono al contempo fornitori della IGA e richiedono dei prezzi esagerati per la loro merce, Karl Schweri viene silurato.

1914–1935 – fondazione della Consumgesellschaft

Cäsar Denner muore. Suo figlio Hans subentra alla guida dell’azienda.

Nel 1935 la Consumgesellschaft Denner und Co. viene trasformata in una SA.

1860–1881 – nascita di Denner

Heinrich Reiff-Schwarz fonda la ditta Reiff-Schwarz, Mercerie und Spezereihandel: è il momento della nascita della futura Denner SA.

Nel 1881 Cäsar Denner Reiff (da cui deriva il nome «Denner») fa il suo ingresso nella Consumgesellschaft come ulteriore azionista.