Breadcrumb Navigation

Cosa facciamo – con il nostro agire sostenibile

La coltivazione responsabile è il cuore di ogni buon vino.

Denner e il WWF si impegnano congiuntamente per una viticoltura ecologica ottimizzata in Svizzera. Il WWF accompagna la realizzazione del progetto in modo criticamente costruttivo e supporta Denner nel conseguimento degli obiettivi ambientali prefissati. Nell’ambito di questa collaborazione, Denner si è posta l’obiettivo di acquistare, entro il 2033, almeno il 25% di vino svizzero proveniente da un’agricoltura ottimizzata dal punto di vista ecologico. 

Promuovere una viticoltura ecologica ottimizzata in Svizzera

Negli ultimi anni il vino svizzero ha vissuto una fase di rinascita. Gli intenditori amano e apprezzano la produzione nazionale. I viticoltori locali devono attenersi a tutta una serie di disposizioni di legge in base alle quali vengono definiti i requisiti minimi richiesti per la produzione. Con la redazione di un apposito codice di condotta da sottoporre ai suoi fornitori, Denner intende intraprendere un ulteriore e significativo passo avanti per promuovere in maniera più incisiva la viticoltura responsabile in Svizzera. La stesura di questo codice di condotta richiede una solida base di informazioni che vengono rilevate attraverso diversi studi e analisi di carattere scientifico. 

Studio preliminare con Sustainable Food System (SFS)

A tal riguardo il programma SFS (spin-off dai tre istituti di ricerca FiBL di Svizzera, Germania e Austria) analizza l’attuale grado di sostenibilità di oltre 20 produttori vinicoli svizzeri in base al modello di valutazione SMART, elaborato nell’ambito del programma SFS e basato sulle direttive SAFA. Queste ultime definiscono le quattro dimensioni della sostenibilità: “integrità ecologica”, “resilienza ecologica”, “benessere sociale” e “gestione aziendale di qualità”. All’interno di queste dimensioni vengono stabiliti gli obiettivi sulla base dei quali è possibile valutare il grado di sostenibilità delle prestazioni offerte. I risultati di tali studi saranno pubblicati nella primavera del 2019. In base ai dati raccolti si provvede quindi a stilare un codice di condotta (Code of Conduct/CoC) che definisce i requisiti minimi richiesti per una viticoltura ecologicamente ottimizzata in Svizzera. Detto codice rappresenta una componente fondamentale dei requisiti ai quali i fornitori di vino di Denner dovranno attenersi. Entro il mese di giugno del 2019 possibilmente tutti produttori svizzeri di vino che riforniscono Denner dovranno aver aderito al codice summenzionato. A partire da quella data, i fornitori di vino saranno sottoposti a dei controlli annuali indipendenti, basati sull’analisi del rischio.

Gettare le fondamenta per ulteriori sviluppi

Con la creazione e l’implementazione del codice di condotta (CoC) nell’ambito della viticoltura svizzera, Denner stabilisce per la prima volta i requisiti minimi richiesti sulla base dei quali i suoi fornitori potranno garantire una viticoltura responsabile. La collaborazione con il WWF inoltre prevede la realizzazione di ulteriori progetti parziali: la creazione di un marchio nazionale e l’azione di uno standard internazionale per il vino di produzione biologicamente ottimizzata.

Denner rappresenta uno dei primi punti di riferimento per gli intenditori di vini nazionali e pertanto l’azienda intende contribuire attivamente alla diffusione della viticoltura ecologica in Svizzera.