Merlot – Il numero uno in Francia

Il Merlot vanta una storia di successo unica nel suo genere: negli ultimi decenni, quasi nessun altro vitigno ha conosciuto un tale sviluppo come questa nobile pianta della regione di Bordeaux. I vini Merlot convincono con aromi corposi, dolci e fruttati e si prestano ad essere vinificati sia in purezza che in uvaggio.

Merlot_gross_1

Il nome deriva dal dialetto parlato nella regione di Bordeaux e significa «merlo». Da un lato, gli abili uccelli sembrano essere particolarmente ghiotti degli acini di Merlot, dall'altro il colore dell'uva matura ricorda il colore intenso blu-nero delle piume del merlo. E proprio come il suo nome, anche il Merlot stesso proviene dalla regione di Bordeaux.

Con oltre 100.000 ettari di superficie coltivata, oggi in Francia è il numero uno in assoluto. Si trovano zone di coltivazione più estese anche in Italia, negli Stati Uniti e in Spagna. Anche nel Canton Ticino, dove il Merlot è spesso coltivato in purezza varietale, i suoi vitigni dominano il paesaggio vinicolo.

Con un'impressionante superficie totale coltivata di oltre 250.000 ettari, il vitigno Merlot è la seconda varietà più coltivata al mondo. A differenza di altri vini, il nome Merlot si è affermato praticamente in tutte le regioni di coltivazione. Pertanto, non ci sono quasi mai sinonimi, il che semplifica l'identificazione nelle diverse regioni.

Vini fruttati e corposi

Il Merlot è particolarmente noto come una delle uve più importanti della regione di Bordeaux. Nelle zone di Pomerol e Saint-Émilion, l'uva Merlot è utilizzata per produrre vini eccellenti. Insieme al Cabernet Sauvignon, il Merlot è uno dei grandissimi vitigni bordolesi. Tuttavia, si differenzia da quest'ultimo sia per il tipo di vino che se ne ricava, sia per il terroir su cui il vino viene coltivato. La vite Merlot è meno esigente per quanto riguarda i terreni selezionati e produce nettari più morbidi ed equilibrati.

I tipici vini Merlot sono fruttati, corposi e si prestano bene all'invecchiamento in botti di rovere. Inoltre, anche i Merlot più complessi non richiedono troppa pazienza, dato che sono pronti per essere gustati dopo qualche anno in cantina.