Breadcrumb Navigation

Blog di Denner

Freegani, vegani o «clean eater»: chi mangia cosa?

Consigli & Idee 01.08.2016

Buono, per forza. Fresco, meglio di sì. Ma quali sono gli altri desideri? Magari esigenze precise quanto a composizione cromatica del piatto? Oppure il fatto di cibarsi, preferibilmente, di prodotti che ancora non sono stati raccolti dalla pianta? Oggi gli stili di alimentazione sono davvero variegati, e molto più numerosi di quanto non si pensi. E quasi ogni giorno nascono nuovi, interessantissimi concetti alimentari. Abbiamo acceso i riflettori su quelli più noti e su quelli che invece (ancora) non lo sono. 

Clean eating

È uno dei trend alimentari più recenti. Si tratta di utilizzare unicamente derrate alimentari non trasformate per realizzare pietanze fresche, preparate al momento. Sono ammesse le materie prime naturali come la frutta, la verdura, la carne, il pesce e i prodotti integrali. Sono invece banditi dolcificanti, zuccheri, coloranti e aromatizzanti, esaltatori di sapidità e i ben poco salutari acidi grassi trans. Regola di base: più breve è la lista degli ingredienti sulla confezione, meglio è!

Freeganismo

Il freeganismo, diffuso in particolare negli Stati Uniti, mira a ridurre l’impatto negativo del singolo sull’ambiente e sulla società attraverso un rifiuto coerente delle logiche dell’economia capitalista. Sulla legge del profitto prevalgono quindi riflessioni di carattere etico. I freegani boicottano la società degli eccessi e dello spreco frutto del nostro sistema economico. Ma attenzione: non tutti i freegani osservano il principio vegano.

Macrobiotica

È una filosofia derivata dal buddismo Zen e dal taoismo. Il concetto alimentare applica al cibo i principi yin e yang, nell’ottica di garantire una vita lunga, sana e felice. L’alimento cardine della dieta è costituito dai cereali integrali, ma sono ammessi anche legumi, verdure, frutta, pesce e alghe marine. Assenti dal menu risultano invece la carne, gli zuccheri, i latticini, le patate e i pomodori.

Fruttarismo

Qui le restrizioni si fanno pesanti: i fruttariani si cibano esclusivamente di vegetali la cui raccolta non danneggia la pianta che li ha prodotti. Frutta, anche a guscio, e semi sono quindi ok; sono invece vietati tuberi, foglie o radici nonché i prodotti di origine animale. Alcuni fruttariani si cibano solo di frutti già caduti spontaneamente dall’albero, oppure di cereali (poiché questi muoiono al momento del raccolto).

Veganismo

Oggigiorno, nessun altro stile alimentare gode di un successo paragonabile a quello del veganismo. Questa filosofia di vita si basa sul completo rifiuto delle derrate di origine animale. Quindi on solo a carne e pesce, ma anche a latte e latticini, uova, gelatina e perfino miele. E checché se ne dica, prestando attenzione agli alimenti inseriti nella dieta, che deve essere assolutamente ricca e variata, non c’è da temere che insorgano carenze a causa di questo stile alimentare. O almeno così pare. Perché anche qui, come in qualsiasi altro ambito controverso, fioccano gli studi che dimostrerebbero il contrario.

Fast food

Hamburger, pizza, hot dog, patatine fritte... certo, appetitoso al massimo. E fin qui tutto bene. Ma solo per chi consuma questi cibi con moderazione. Chi avesse dei dubbi può guardare il documentario «Super Size Me», girato nel 2004. Il protagonista conduce un rischioso esperimento su se stesso, alimentandosi unicamente da McDonald’s per un periodo di 30 giorni, al termine del quale ha acquistato ben 11 kg (il 13% del suo peso corporeo). Quindi: ok mangiare fast food, ma consapevolmente. Così, ogni volta ci si potrà regalare un peccato di gola senza alcun peso sulla coscienza.

Vegetarianismo

Chi aderisce a questo stile alimentare si nutre di vegetali e di quegli alimenti di origine animale che non comportano l’uccisione dell’animale stesso (ad es. uova, latte). Il vegetarianismo però è anche una più vasta filosofia di vita, che non si limita alla sola alimentazione. Nel mondo occidentale la quota dei vegetariani è inferiore al 10 per cento; in India, invece, a seguire questo tipo di dieta è quasi il 40 per cento della popolazione.

[Translate to Italian:] Dazu passt